Francesca Debelli

Francesca Debelli

Francesca Debelli

Triestina, inizia a studiare danza classica a 6 anni presso la “Scuola di danza Maria Panzini” con le insegnanti Laura Buda, Maria Panzini. A 12 anni si sposta nella Scuola di Danza della “Società Ginnastica Triestina” dove studia la danza classica e la tecnica Graham con l’insegnante Doriana Comar.

Nel 1997 e 1998 segue due seminari di didattica della tecnica Graham tenuti da Joseph Fontano e Susan Sentler e nel 2000 ottiene una borsa di studio Erasmus-Socrates e si trasferisce a Madrid dove segue il corso di danza contemporanea con Chevi Muraday presso la scuola di danza “Carmen Senra” (Madrid).

Nel 2005 consegue con il massimo dei voti la Laurea in Lingue e Letterature straniere, presso l’università degli studi di Trieste e nel 2008, con il massimo dei voti, il Diploma Accademico di secondo livello (laurea specialistica) “Formazione docenti in discipline coreutiche: indirizzo danza contemporanea” presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Dal 1997 insegna danza contemporanea, danza classica, propedeutica della danza e ginnastica dolce presso le scuole private della regione Friuli Venezia Giulia, collaborando con: Società Ginnastica Triestina (TS, 1997-2006), Cenacolo Arabesque (Ronchi dei Legionari – GO, 1998-2003), Danzaevento (Gradisca d’Isonzo – GO, 2002-2003), Palestra Aevolution (TS, 2004-2005), Artinscena (TS, 2006-2011), Palestra Big’s Gym (TS, 2007-2011), Il Centro Danza (Monfalcone – GO, 2010-2011).

E’ docente di tecnica della danza contemporanea presso il Liceo Coreutico annesso all’Educandato Statale “Collegio Uccellis” di Udine, e l’anno scolastico 2010-11 presso il Liceo musicale e coreutico “F. A. Bonporti” di Trento.

Nel 2011 collabora con il Comune di Muggia (TS) per l’attivazione di corsi di ginnastica per adulti (Zindis al centro).

Tra il 2002 e il 2004 collabora come danzatrice nella compagnia di danza contemporanea “Arearea” (Udine) diretta da Roberto Cocconi prendendo parte a: Dentro, Circenses, P.G.R. Per grazia Ricevuta, Azione mutante, Labadini per Mimmo & Friends.

Collabora inoltre ai seguenti spettacoli: I ventiquattro di Bussotti di Sandra Fuciarelli (Roma 2007); X – Suite filante di Ivan Taljiancic e Katharina Rosemberger (Zurigo e Ginevra, 2008); Blind.ness di Ivan Taljiancic (New York City, 2010).

Segue numerosi workshop e seminari di danza contemporanea, rivolti sia agli allievi che agli insegnanti, sia in Italia che all’estero durante i quali approfondisce lo studio di tecniche e stili della danza moderna e contemporanea. Studia Graham (con Elsa Piperno, Carla Marignetti, Joseph Fontano, Susan Sentler, Elizabeth Auclair); Limón (con Laura Martorana, Ranko Yokoyama, Louise Edith Frankenhius); Cunningham (con Dino Verga, Stefania Brugnolini, Michele Pogliani, Laurence Levasseuer); Horton (con Miguel Lopez, Kristine Poijbic Champaigne); Simonson Technique (con Diane Mc Carthy, Laurie De Vito); Release Technique (con Gabrielle Staiger, Marina Collard, Gill Clarke); Danza africana (con James Sylla); Tip tap (con Michela Bianco, Shea Sullivan); Stili contemporanei (con Pompea Santoro, Chevi Muraday, Jean Gaudin, Martine Harmel, Bruno Agati, Jennifer Hanna, Ruxandra Rakovitza, Iztok Kovac, Florence Meregalli, Joan van der Mast, Isabelle Arnaud).

Dal 2004, grazie all’incontro con Antonio Giacomin e con il quale tutt’ora collabora, si interessa all’approfondimento delle tecnologie e nuove tecnologie applicate alla danza. Realizza video e opere di videodanza (Topolaus/One (2003); Dansneg (2004); Satiepartù! (2005); Fingulae (2006); Peoplewatching (2006); Urizen – versione video (2009); Stipa (2010); documentario sulla realizzazione dello spettacolo “I ventiquattro” (AND Roma, 2007); video promozionali per giovani coreografi e danzatori (Roma, 2007)), videoinstallazioni (Satie’sfaction (2004); Riflessi del sé (2006); videoanimazione per il concerto di Alexander Rojc (Trieste, 2009); Urizen (2009)) e spettacoli-performance di danza e video (mØr3L (2004); Snowglobe (2005)).

Nel 2008 apre e cura la redazione di portaledanza.net e nello stesso anno è co-fondatrice dell’Associazione artistica culturale Coreofficina. E’ direttore artistico ed organizzativo della rassegna internazionale di videodanza “Wallpaper dance”.